Federico Fellini

Federico Fellini

Federico Fellini Cavaliere di Gran Croce OMRI (1920 – 1993) was an Italian filmmaker. Renowned for his unique approach, he seamlessly fused fantasy and baroque aesthetics with a grounded sensibility in his works. His legacy establishes him as a paramount and profoundly impactful figure in the realm of cinema.

Fellini’s upbringing was shaped by his father, a traveling salesman, and his mother, who felt marrying beneath her compromised her ties to Roman nobility. Growing up, Fellini’s conviction that he belonged in Rome took root. In the late 1930s, he relocated there with his mother and sibling. While his family left, Federico remained, selling his cartoons, gags, and stories to the comedic publication Marc’Aurelio.

As World War II raged, Fellini penned scripts for the radio series Cico e Pallina, featuring Giulietta Masina, who would later become his spouse in 1943. She would go on to grace the screens of many of his cinematic creations.


In 1944, Fellini met filmmaker Roberto Rossellini, leading to his involvement as part of a writing collective for “Roma, città aperta” (1945; translated as “Open City” or “Rome, Open City”), a groundbreaking work in the Neorealism movement. Fellini’s input into the script marked his initial brush with an Oscar nomination, recognizing his significant role in the film’s creation. Fellini quickly became a beloved and talented screenwriter and found his niche (and success) collaborating with many other directors. Some of his major works include: La Strada,

La Dolce Vita and Otto e mezzo (8 1/2)

Federico Fellini Cavaliere di Gran Croce OMRI (1920 – 1993) è stato un regista italiano. Famoso per il suo approccio unico, nelle sue opere fonde perfettamente fantasia ed estetica barocca con una sensibilità radicata. La sua eredità lo consacra come una figura fondamentale e di profondo impatto nel regno del cinema.

L’educazione di Fellini è stata plasmata da suo padre, un venditore ambulante, e sua madre, che sentiva che il matrimonio al di sotto di lei comprometteva i suoi legami con la nobiltà romana. Crescendo, si è radicata la convinzione di Fellini di appartenere a Roma. Alla fine degli anni ’30 si trasferì lì con sua madre e suo fratello. Mentre la sua famiglia se ne andò, Federico rimase, vendendo i suoi cartoni animati, gag e storie alla pubblicazione comica Marc’Aurelio.

Mentre infuriava la seconda guerra mondiale, Fellini scrisse le sceneggiature per la serie radiofonica Cico e Pallina, con Giulietta Masina, che sarebbe poi diventata sua moglie nel 1943. Avrebbe continuato ad abbellire gli schermi di molte delle sue creazioni cinematografiche.

 

Nel 1944, Fellini ha incontrato il regista Roberto Rossellini, che ha portato al suo coinvolgimento come parte di un collettivo di scrittura per “Roma, città aperta”, un’opera rivoluzionaria nel movimento del Neorealismo. Il contributo di Fellini alla sceneggiatura ha segnato il suo primo contatto con una nomination all’Oscar, riconoscendo il suo ruolo significativo nella creazione del film. Fellini divenne rapidamente uno sceneggiatore amato e di talento e trovò la sua nicchia (e il suo successo) collaborando con molti altri registi. Alcune delle sue opere principali includono: La Strada, La Dolce Vita e Otto e mezzo (8 1/2)

 

Stay IN Touch

Sign up to our mailing list to be the first to get notifications of contests, events and news.